Soffice segatura

Quando ci si rinfaccia le cose non si è più in due nel rapporto, ma in tre: tu, io e il tarlo che ha cominciato a rodere la nostra storia. Nell’oscurità della materia, i tarli lavorano con discrezione, scavano gallerie per anni e, a parte qualche minuscolo fastidio, non ti accorgi di niente. Poi un giorno posi una tazza sul tavolo e il legno cede, sprofonda e, in un istante, la superficie solida che conoscevi si trasforma in un cumulo di soffice segatura.

Le miserie dell’uomo

Tutte le miserie dell’uomo derivano dal suo non essere capace di sedersi in un posto, da solo.

Un artista

Un artista ha l’autorizzazione a fare quello che agli uomini comuni è negato: perdere tempo.